Punto e Viaggio
La passione di Tania per i viaggi
nata dalla lettura

Tania è una viaggiatrice curiosa che fin da piccola ha visto il mondo come un posto da esplorare. è il blog che nasce dalla passione di Tania per la lettura, e dalla sua necessità di riordinare i suoi affollati pensieri

UNISCITI ALLA COMUNITA'
DI VIAGGIATORI ECOLOGICI

DOPO QUALE VIAGGIO HAI DECISO DI APRIRE UN BLOG?

Ho deciso di aprire il mio blog Punto e Viaggio dopo aver realizzato il sogno della mia vita: fare un viaggio in solitaria in qualche parte del mondo.

Sono riuscita a farlo solo nel 2016 a seguito della chiusura del negozio dove lavoravo. Ho approfittato dell’occasione per scoprire dei paesi che avevo a lungo sognato: il Messico, il Guatemala, il Belize e l’Honduras.

Sono stata in viaggio per 6 mesi e ho visto luoghi incantati, conosciuto persone meravigliose e affinato la mia capacità di stare da sola. È stata un’esperienza totalizzante che mi ha formata e che consiglio caldamente a tutti!

SUL TUO SITO RACCONTI CHE LA TUA PASSIONE PER IL VIAGGIO NASCE DA DUE LIBRI. CI POTRESTI DIRE DI PIU'?

Il mio sogno realizzato, in realtà, dipende molto dal libro che ho letto da piccola e che mi ha cambiato l’esistenza: il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne. Sono rimasta affascinata dalla possibilità di partire per un viaggio all’avventura pur senza programmarlo, creando un itinerario strada facendo. Mi è parso come la materializzazione della libertà e ho pensato che “da grande” lo avrei voluto farlo anch’io!

L’altro libro a cui faccio riferimento è il Mago di Oz dove la protagonista, in compagnia del suo amato cane Totò, incontra dei personaggi incredibili e compie un viaggio che la trasforma completamente.

Ho sempre inteso il viaggio come una possibilità di crescita personale ed evasione dalla routine quotidiana. Questi due libri sono stati capaci di rappresentare i suddetti concetti in modo impeccabile, ecco perché mi hanno così colpito…

TI PREGO PARLACI DEL TUO CONCETTO DI VIAGGIATRICE FLANEURISTA!

L’arte del Flaneurismo l’ho scoperta recentemente, dopo aver letto un libro che parlava proprio di questo e mi sono accorta che i miei viaggi erano pervasi anche da questo aspetto.

Come vedi i libri mi accompagnano e spalancano porte che non sapevo di aver chiuso… Comunque, essere un flaneur significa semplicemente essere una persona che viaggia seguendo il proprio istinto ma non in modo casuale bensì attivato dai propri sensi. Ciò significa camminare senza una cartina e perdersi a osservare i dettagli che caratterizzano un determinato luogo, sedersi ad ascoltare il suono di una lingua o cogliere le impercettibili somiglianze che caratterizzano un popolo.

Quest’ultimo è legato anche a un altro concetto che mi sta molto a cuore ossia il Genius Loci, lo spirito del luogo, la capacità di adattarsi alla città in cui si nasce, o si vive, adottando inconsciamente certi tipi di comportamento, atteggiamento o temperamento. Capisci quindi quanto sia importante il ruolo dei nostri cinque sensi?

Non è solo visitare un museo o mangiare un piatto tipico ma vedere, assaporare, udire, toccare e annusare con la consapevolezza dell’anima.

COSA FAI PER RENDERE I TUOI VIAGGI PIU' ECOLOGICI?

Ti confesserò che non riesco a fare molto anche se sto attenta a non sprecare e ad avere un impatto ambientale minimo. Purtroppo, non è semplice, soprattutto quando si viaggia rimanere fedeli al proposito.

Mi sono accorta, infatti, che durante un soggiorno all’estero tendo a consumare più prodotti preparati e usare confezioni monouso, aumentando anziché diminuire lo spreco. Per quanto riguarda la preparazione della valigia ho ovviato la questione rifornendomi di articoli riutilizzabili ma rimane il problema del cibo.

Bisognerebbe cenare sempre al ristorante ma, essendo una viaggiatrice low cost, tendo a comperare cibo da strada o al supermercato. Per gli spostamenti invece si apre un capitolo molto più ampio e difficile da gestire perché i consumi durante un tour sono spesso eccessivi. Si possono prendere diversi mezzi pubblici piuttosto inquinanti, senza possibilità di scelta.

Comunque ti ringrazio per la domanda, mi ha fatto riflettere e la tengo come obiettivo da perseguire per il 2020.

Easy Travel Hosting ringrazia tantissimo Tania per averci fatto viaggiare con il suo istinto ed i suoi sensi.

Se volete informarvi maggiormente sui progetti di Tania, potete seguirla sul suo sito cliccando QUI

Ed anche sui social media!

Easy Travel Hosting è l’Hosting 100% ecologico creato su misura per viaggiatori da viaggiatori. Vuoi raccontarci la tua storia? Contattaci QUI.