Elilovestravelling
I viaggi fuori dalla zona di comfort di Elisa

Elisa ha vissuto a Londra, tornata in Italia, le piace viaggiare e vivere come fanno le persone del luogo che visita.

è il suo blog, dove racconta di questo e molto altro ancora.

UNISCITI ALLA COMUNITA'
DI VIAGGIATORI ECOLOGICI

HO VISTO CHE HAI VISSUTO ALL'ESTERO. E' STATO DIFFICILE TORNARE IN ITALIA?

Ho vissuto 4 anni a Londra e provavo un sentimento di amore e odio per la città allo stesso tempo. Mi mancava il silenzio di casa mia. Mi sono accorta che era arrivato il momento di tornare quando mi sono ritrovata a correre in metropolitana nel weekend e non dovevo andare da nessuna parte. Ma lì tutti corrono. 

Avevo bisogno di ritrovare un ritmo di vita più lento, più a contatto con la natura. Tornare per certi versi è stato difficile e per altri terapeutico. In Italia non abbiamo le stesse opportunità lavorative e di questo un po’ ne ho risentito e stando via così tanti anni ho perso un po’ di amicizie, però tornare in Italia è stata la cosa migliore che potessi fare. Avere una distanza di 10-15 minuti di macchina dal posto di lavoro, ritrovare il silenzio, camminare in un prato o in un bosco, sono cose che mi mancavano tantissimo. 

Roma

IL TUO MOTTO DI VIAGGIO E' "LIVE LIKE A LOCAL". CI PUOI SPIEGARE QUESTA TUA FILOSOFIA?

Live like a local per me significa uscire dalla zona di confort, non limitarmi a stare in quella che in gergo viene definita la “tourist bubble”, la bolla turistica, in cui tutto sembra bello e patinato. Mi piace parlare con la gente del posto se la lingua lo permette, assaggiare i cibi locali, capire le tradizioni e le usanze del luogo in cui vado. Il viaggio per me è soprattutto scoperta, esplorazione, contatto con una cultura diversa dalla mia. 

Bangkok

VIAGGIO E CIBO, UN BINOMIO IMPRESCINDIBILE?

Viaggio e cibo per me vanno di pari passo. Assaggio sempre i piatti locali poi può succedere che non mi piacciano o che me ne innamori, come è successo in Turchia e in Thailandia. Adoro queste due cucine e non perdo occasione per assaggiarle anche in Italia. Il cibo rappresenta molto di più di un semplice piatto con degli ingredienti, per me tramite il cibo si comprendono tante cose, compresa la cultura di un popolo. 

Ad esempio in Turchia offrire lokum o baklava all’ospite è simbolo di rispetto e di ospitalità, così come offrirgli un çai fumante. Non accettarlo invece dimostra chiusura e può essere inteso come mancanza di rispetto o di apprezzamento del gesto. Quindi anche dietro ad un semplice thé ci sono aspetti socio-culturali molto importanti e imparare a coglierli e conoscerli mi affascina tantissimo.

Cappadocia

COSA FAI PER RENDERE I TUOI VIAGGI PIU' ECOLOGICI?

Durante i miei viaggi cerco sempre di stare molto attenta ai rifiuti che produco e cerco di produrne il meno possibile a dire il vero. Se possibile poi, provo a differenziare i rifiuti anche se in diversi posti purtroppo non c’è la cultura della raccolta differenziata. Acquisto e mangio prodotti a km zero ed evito assolutamente qualsiasi atteggiamento che possa danneggiare l’ambiente in cui mi trovo, come lasciare rifiuti in giro o prendere souvenir dall’ambiente circostante e anzi, a dirla tutta, non sopporto chi lo fa, dimostra davvero poco rispetto per il posto e per il popolo che sta visitando!

Marsiglia

Easy Travel Hosting ringrazia tantissimo Elisa per averci dato una prospettiva diversa del viaggio.

Se volete informarvi maggiormente sul suo progetto, potete seguirla sul sito cliccando QUI

Ed anche sui social media!

Easy Travel Hosting è l’Hosting 100% ecologico creato su misura per viaggiatori da viaggiatori. Vuoi raccontarci la tua storia? Contattaci QUI.

Apri la chat
1
Hai bisogno di aiuto?
Ciao. Se hai bisogno di aiuto, ci sono!