CHIARA IN PROGRESS
Vita da expat a Parigi

Biologa e appassionata di musica, viaggi e scrittura, Chiara è uno dei tanti "cervelli in fuga" dall'Italia e trova a Parigi la sua nuova casa. Chiara in Progress è il blog dove si racconta e ci spiega che Parigi non è diventata la meta, ma il trampolino di partenza della sua nuova vita da expat.

Benvenuta su Easy Travel Hosting! Chiara in progress, un blog che racconta della tua vita da expat, di una Parigi che doveva essere il traguardo dei tuoi progetti ma si è rivelata un trampolino di lancio. Ci parli un po' di te e della nascita del tuo blog?

Mi chiamo Chiara, sono nata a Caserta ma dal 2013 vivo a Parigi. Ho deciso di emigrare all’estero per lavorare nella ricerca biomedica, ma in seguito per me l’espatrio è diventato uno stile di vita piuttosto che una scelta prettamente legata alla sfera professionale. 

Ho molteplici passioni, tra cui i viaggi, la musica e la scrittura. La mia esperienza di expat mi ha spinta, con il tempo, a raccontarla sotto vari punti di vista, motivo per cui dal 2019 collaboro con il blog corale Donne che emigrano all’estero. 

Durante il primo lockdown del 2020, complice l’isolamento e la voglia di reiventarmi, ho deciso di espandere la mia passione per la scrittura sul web progettando e creando Chiara in progress, il mio blog personale.

Descrivici Parigi in un libro, canzone e film!

Un libro sarebbe sicuramente Festa mobile di Hemingway, il cui titolo descrive Parigi alla perfezione. Una canzone, “Paris” degli Après la Classe, perché parla di Parigi come una città frenetica, magica, ricca di storia e di musica. Ed ancora più bella di notte. Ebbene sì, Parigi è esattamente così!

Un film, e forse sarò banale, sarebbe il Favoloso mondo di Amélie, uno dei primi film che da bambina mi ha fatto sognare Parigi.

Tra gli expat si trovano spesso persone a cui manca costantemente l'Italia ed altri che non tornerebbero per nessuna ragione al mondo. Che rapporto hai ora con l'Italia e cosa pensi di aver acquisito lasciandola?

Con l’Italia ho un rapporto di amore-odio. La apprezzo e non rinnego le mie origini, ma non credo riuscirei a viverci dopo tanti anni all’estero. 

Lasciando l’Italia per seguire nuovi orizzonti, credo innanzitutto di aver acquisito maggiore maturità e autostima. Ho poi superato limiti che credevo insormontabili, ho migliorato le mie competenze linguistiche ma soprattutto relazionarmi, interfacciandomi con culture, usanze e modi di fare ben diversi da quelli italiani. 

Ho capito che il mondo è un vero e proprio melting pot di culture e caratteri e un work in progress in continuo divenire, cosa che probabilmente non avrei mai capito restando sempre nello stesso posto, circondata dalle stesse persone.

Tra i tuoi viaggi, quale paese hai amato di più e perché?

Domanda molto difficile, perché ognuno dei miei viaggi mi lascia sempre qualcosa! Tra tutti, credo di avere un particolare legame con la Spagna, uno dei paesi che sento più vicini al mio essere. D’altro canto, provo una fortissima attrazione per i paesi del Nord Europa, in particolare per i loro paesaggi incontaminati e il senso di pace e di comunione con la natura che trasmettono.

Come saprai Easy Travel Hosting utilizza energie rinnovabili ed eco-sostenibili per alimentare i propri server. Inoltre viene piantato un albero per ogni nuovo hosting, aiutando in modo attivo la riforestazione e l'assorbimento di CO2. Cosa pensi di questo progetto ed in generale, pensi sia importante ricercare uno stile di vita più sostenibile?

Trovo questo progetto davvero interessante e, più in generale, credo che sia importantissimo adottare uno stile di vita più sostenibile, anche partendo da piccolissimi gesti. 

I cambiamenti climatici sono una realtà innegabile, ed è nostro dovere prenderci quotidianamente cura del nostro pianeta, senza aspettare che un evento catastrofico cambi definitivamente le sue sorti. 

Se siamo davvero cittadini del mondo, dobbiamo prima di tutto rispettare e trattare bene questo mondo che ci ospita e che, con delicatezza, aspetta di essere esplorato!